Notizie, eventi e curiosità da Corralejo e dintorni

Luca Canteri, un liutaio a Fuerteventura

10 Gennaio 2019

Intervista a cura di Angela Pasquali

 

Luca CanteriIl liutaio: un mestiere o un'arte?

Il liutaio costruisce strumenti musicali. Mi sono sempre chiesta se è un artigiano e se il suo valore artistico sia riconosciuto ed ho scoperto che c'è tanto da sapere su questo argomento.

Ho avuto la fortuna di conoscere Luca Canteri, un famoso liutaio internazionale che vive a Fuerteventura e costruisce chitarre e timple.. Parlare con lui, del suo mondo, è stato piacevolissimo e molto interessante, ho scoperto molte cose sul mondo degli strumenti musicali.

Ci sono industrie, spesso cinesi, che costruiscono a grande scala chitarre tutte uguali, quelle che, con poche centinaia di Euro, si trovano anche online; poi ci sono artigiani che utilizzano le tecniche tramandate da altri liutai famosi, frequentano scuole specializzate e partecipano a corsi, facendo manualmente le chitarre, un mestiere vero e proprio. Hanno i loro laboratori e costruiscono in scala minore le chitarre utilizzando solo pochi strumenti e materiali di qualità. Il valore di queste chitarre è sicuramente superiore perchè sono curate nei minimi particolari e fatte a mano.

E poi infine c’è Luca Canteri, direi un caso raro, che crea ogni chitarra con dedizione e ognuna come un opera d’arte, ogni pezzo è unico e diverso.

L'arte e la passione non si possono acquisire solo andando a scuola, ma sono componenti che si trovano già dentro l’Artista ed in pochi riescono a tirare fuori giorno dopo giorno il proprio talento, sono quei pochi che con tanta voglia provano, sbagliano, imparano e creano.

Luca Canteri è nato in Italia, originario della Lessinia, sui monti di Verona, ma vive dal 2001 a Fuerteventura che ormai è diventata la sua seconda casa.

Luca CanteriCome hai imparato?

Non ho fatto scuole. Quando ero più giovane suonavo in un gruppo e desideravo una chitarra nuova. Andai in giro per comprarne una, ma le chitarre fatte a mano avevano dei prezzi troppo alti che non mi potevo permettere. Mi venne l'idea di costruirne una da solo. Comprai dei libri sull'argomento e cominciai a fare delle ricerche su internet, alla fine mi feci coraggio e decisi di provare. Comprai il legno e mi adattai con i pochi strumenti basici che avevo seguendo passo dopo passo il procedimento; quello che non avevo me lo costruivo e me lo inventavo, come lo strumento per piegare il legno che lo feci con un foglio di alluminio e delle lampadine.

Il risultato fu che costruii la mia prima chitarra, che conservo ancora con molta cura. Una soddisfazione unica! E la cosa fantastica che qualcuno la vide e me ne ordinò subito un'altra. Con mio grande stupore e felicità mi misi in gioco e accettai la sfida, cosí che la seconda chitarra mi venne anche meglio.

Da lì ho cominciato ad approfondire sempre di più. Costruisco chitarre folk/acustiche e ognuna è diversa dall’altra, pezzi unici, mai uguali, ma riconoscibili sempre per il mio stile.

Ogni volta che costruisco una chitarra imparo qualcosa, ogni nozione mi serve per fare la successiva, ogni volta che faccio una chitarra metto qualcosa di nuovo. Il mio approccio è artistico, sento il bisogno di creare e non di costruire semplicemente.

costruzione di una chitarraCos’è importante nella costruzione di una chitarra?

Senza dubbio la materia prima. Con il tempo sono diventato più attento ed esigente nel cercare e utilizzare i materiali. La scelta del legno è importantissima. Prima il tipo (Abete della Val di Fiemme per le tavole armoniche. Palissandri, Ebano, Mogano...), faccio sempre una ricerca dove trovare i legni di qualità che mi servono e vado a comprarli personalmente.

Poi molto importante è l’età del legno. I legni giovani hanno un tasso di umidità molto alto e questo influirebbe negativamente sulla qualità e la durata della chitarra. Scelgo legni di una certa età, superiore a 10 anni e se trovo legni buoni, ma più giovani, li preparo e li lascio invecchiare naturalmente e li utilizzo solo quando hanno acquisito alcuni parametri. Questo è l’invecchiamento naturale del legno. Io preferisco così e so che è piu impegnativo, ma il risultato finale mi dá ragione e si sente la differenza. Tutto ció influisce sia sull’aspetto che sul suono che darà la cassa armonica. Esistono anche metodi più veloci per togliere l'umidità al legno, tra questi la “torrefazione”, con cui bastano pochi giorni per ottenere lo stesso tasso di umidità di anni di invecchiamento naturale, ma è un metodo forzato che serve a chi ha fretta e non può aspettare. In questo momento io preferisco il metodo tradizionale e naturale anche se a volte passano anni prima di poter utilizzare un legno.

Lucidatura della chitarraIl tasso di umidità è molto importante anche durante la costruzione, ho nel mio laboratorio degli indicatori e dei deumidificatori che mi permettono di tenere l’ambiente ad una temperatura costante, considerando che a Fuerteventura il clima è secco e durante l'anno l'indice varia tantissimo.

L'umidità è importante anche dopo, nella conservazione di una chitarra. Si parla di chitarre che costano migliaia di Euro e che sono certificate, è molto importante sapere come riporre correttamente una chitarra quando non viene usata per non rovinarla "fisicamente" e mantenerne le caratteristiche sonore originarie sempre intatte.

Ogni mia chitarra è un pezzo unico, per esempio la “rosetta” è sempre diversa e personalizzata in ognuna delle mie creazioni. Quando finisco fisicamente uno strumento, metto le corde e mi dedico al suono, passando svariati giorni a migliorarlo. Il suono dipende già da come è costruita, dalla cassa armonica, dalla durezza o morbidezza del legno che permette più o meno vibrazione. Ogni chitarra che finisco per me è una soddisfazione: “Fatta a mano, con bei legni stagionati e fantasia... é speciale e unica”.

Luca Canteri - Liutaio a FuerteventuraCome firmi le tue chitarre?

Ad ognuna pongo il mio piccolo logo nel 12º tasto, così in una volta sola firmo la chitarra e indico il tasto che di solito è indicato da due punti.

Quante chitarre hai fatto finora?

Una cinquantina. Per finire ogni chitarra impiego da due a tre mesi e di solito non faccio più di 6/7 chitarre l’anno. E poi mi diverto anche a creare "Timple" che é un piccolo, ma "grande" strumento, tipico canario.

Dove vendi le tue chitarre?

Ho contatti in tutto il mondo, America, Cina, Europa e anche Africa, ma sopratutto  in Giappone, dove faccio fiere e collaboro con due negozi.

Ultimamente sono stato invitato alla fiera a Woodstock in America, un evento importante a cui partecipo con molta soddisfazione.

Ho una pagina web www.lcguitars.com da dove si possono ordinare le chitarre, compilando il modulo si entra nel mio mondo.

Da Fuerteventura come spedisci le chitarre? É complicato?

Le consegno personalmente, viaggiano con me e le porto direttamente all’acquirente. É molto bello questo perchè conosco personalmente chi avrà le mia chitarra e ho la possibilità di scambiare commenti e opinioni e dargli i consigli giusti di come trattarla e conservarla.

Quali sono i tuoi progetti o sogni per il futuro?

Continuare a creare i miei strumenti e viaggiare per il mondo, per farle conoscere e per consegnarle.

Buon continuo Luca Canteri, con la speranza che sempre più persone ed enti della Cultura si accorgano di questa arte così affascinante e a volte così poco valorizzata.

 

Photogallery - Chitarre e Timple di Luca Canteri

 

 

 

Leave a comment

You are commenting as guest.

Booking.com

Inscriviti a FuerteCoin

 

autobus

PERCORSI E ORARI
Trasporti a Corralejo

emergenza

NUMERI EMERGENZA
Ambulanza, Policia, Bomberos

emergenza

BANCOMAT
Dove sono a Corralejo

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


Ayuntamiento de La Oliva webpage        Cabildo Fuerteventura webpage        Gobierno de Canarias webpage         previsioni di vento onde maree - Fuerteventura nord

Corralejo.info: tutte le migliori attività di Corralejo e Fuerteventura Nord. Informazioni su: negozi, servizi, sport, tempo libero, mangiare e bere, trasporti, servizi e utilità. Corralejo.info è un sito web di Maurizio Bertuccelli e Angela Pasquali © 2014
Per informazioni scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Sviluppo web FuturaImmagine.com